Il 15 settembre, dalle 14:30 alle 16:00, Bob Geldof in chat

Grande successo della Live Chat con Bob Geldof, che lunedì 15 settembre, dalle ore 14:30 alle 16:00, ha risposto in diretta ai quesiti provenienti dal popolo della Rete.

Attraverso questo blog è stata data a tutti l’opportunità di rivolgere domande e curiosità all’artista irlandese .

Grazie per la straordinaria partecipazione.

Il 15 settembre, dalle 14:30 alle 16:00, Bob Geldof in chatultima modifica: 2008-09-15T00:34:00+02:00da avoicomunicare
Reposta per primo quest’articolo

98 pensieri su “Il 15 settembre, dalle 14:30 alle 16:00, Bob Geldof in chat

  1. a volte maledico il mio lavoro perchè non mi lascia il tempo per dedicarmi di più al prossimo.
    non sono cristiana, non sono cattolica, non sono niente (per la religione) sono una donna che ha voglia di dare le proprie mani per il mondo intero (forse solo per ciò che posso), ma vorrei…
    grazie
    sandra

  2. Bisogna re-imparare a comunicare, con chi ci è vicino per prima cosa e un passo alla volta estendere la comunicazione, che deve essere il più possibile costruttiva.
    Si perde ogni giorno tempo prezioso per cose futile, prive d’importanza quando basterebbe davvero poco per rendere migliori se stessi e gli altri, dedicando un pò di attenzione.
    Se ci si pensa basta così poco….

  3. Ho sempre trovato lo spot Telecom con Gandhi molto molto intelligente…in un mondo in cui è sempre più difficile comunicare e far arrivare messaggi positivi non posso che ammmirare il lavoro che il Sig. Geldof insime ad tanti altri sta svolgendo per cercare di migliorare il mondo in cui viviamo. Ho voglia di essere ancora più d’aiuto per le persone bisognose e sarei grata al Sig. Geldof se sapesse indicarmi come e cosa poter fare qui dall’Italia per essere utile ai suoi progetti.
    Ringraziando.
    Sonia

  4. Io guardo un uomo che con la sola essenza di umiltà ha portato tutto quello che una nazione ricca non sa dare….Non si tratta di religione… non si tratta di soldi… ma di dare forza alla gente ..la stessa gente che ha portato Lui in alto….
    Per quanto mi riguarda l’espressione di umiltà, sempre mostrata… non avrà mai una seconda immagine… e come la forza delle parole…può fare più di tutto….
    riscrivere il presente… non sbagliando al futuro…

  5. Il suo messaggio è giustissimo…
    Il concetto di un SOLO MONDO è quello che si attuerà in futuro,dato che tutto ciò che è stato ideato dall’uomo è stato poi realizzato,vedi Leonardo con l’aereoplano e Verne dalla terra alla luna con un razzo.
    Arriveremo ad un solo mondo.
    La situazione politica dell’oriente d’allora era determinata dalla super potenza britannica.
    La sua visione del pensiero europeo è filtrata da lenti inglesi e quindi anche da idealismi protestanti,post-kantiani/egheliani,
    in cui prima l’IMPERATIVO CATEGORICIO e poi lo SPIRITO ASSOLUTO hanno giustificato tutte le stragi compiute in nome di un idea(APARTHEID,LAGER,COMUNISMO DI GUERRA in cui s’uccedevano i contadini).
    Quindi ha conosciuto solo il marcio.
    Nel discorso del 2/4/1947,in discussione adesso,vengono fatte delle affermazioni,a nostro vedere parziali,di superiorità dell’oriente sull’occidente…quando GANDHI dice che la saggezza viene dall’ORIENTE verso l’OCCIDENTE.
    Non conosceva o non teneva in considerazione grandi uomini di PENSIERO come:SOCRATE(il Cristo laico) quindi non sapeva di non sapere,non conosceva i SOFISTI quindi non sapeva che tutto è relativo,non conosceva LIEBENITZ,non conosceva KIERKEGAARD,non conosceva NIETZSCHE,non conosceva SCHOPENHAUER che conosceva le FILOSOFIE ORIENTALI da cui ha tratto la sua di gran lunga superiore agl’IDEALISMI che criticava.
    Non prendeva in considerazione la parte positiva della FILOSOFIA OCCIDENTALE.
    Va bene un mondo unito sapendo di non sapere e che ogni paese ha una sua cultura,da rispettare(non fare agl’altri cio che non vuoi che ti sia fatto)senza superiorità di nessuno su nessuno,solo esseri umani.
    Non ci si deve considerare migliori di nessuno,ne sentirsi peggiori di altri in base all’appartenenza.
    Che cosa sono le esplosioni che vediamo in televione,noi fortunati che le vediamo solo?
    Non vi ricordano l’apocalisse della BIBBIA o le lingue di fuoco del CORANO?
    Anche un pensatore come GANDHI è figlio del suo tempo,anche se fondamento,superato e superabile?
    Il SATYAGRAHA è un concetto di positività fondamentale ma accompagnato a nessuna superiorità di tipo etnico,religioso e di pensiero.

  6. Il buon Ghandi è da anni il mio idolo, ma ciò che ancora oggi non capisco è come hanno potuto uccidere un uomo che cercava, con una sana battaglia non violenta, di aprire gli occhi ai potenti e ai poveri. I potenti li hanno aperti (anche troppo) e i poveri continuano a credere nelle illusioni che i suddetti potenti vogliono che loro credano. Povero grande GHANDI. Da lassù, nel suo Paradiso, chissà cosa penserà di noi….sciocca che sono! Non può che pensare bene. Era ed è un grande!. Rispettosamente (a Te solo rispetto, Mahatma)la umile e sciocca mariolina. Ciao e spero di rivederti prima o poi.

  7. Bob Geldof, un icona per le vecchie e per le nuove generazioni, inventore del Live AID, un’intuizione geniale degna di essere citata nei libri di storia, un esempio per tutti, la musica e l’arte come strumenti di unione e comunicazione e dialogo tra i popoli.
    un uomo che si batte contro le ingiustizie di un mondo crudele, contro la povertà e a favore dei più deboli…

  8. Sono convinta che la comunicazione diretta sia una delle vie più efficaci per discutere alcuni dei temi più importanti del nostro tempo. Dovremmo dedicare più tempo alla comunicazione, al semplice parlare, dovremmo staccarci da telefonini e quant’altro ed accoglierci in colloquio, tornare alle vecchie e care lettere, riscoprire insomma il piacere di un contatto non solo virtuale, ma veramente fisico. Per questo credo che se Gandhi avesse potuto comunicare come mostrava la pubblicità di alcuni anni fa il mondo di oggi sarebbe nettamente diverso, forse non saremmo infognati in guerrre sanguinarie che uccidono e massacrano in nome di Dio o del vil denaro. Forse apprezzeremo di più ogni singolo istante che ci è stato donato e lo metteremmo al servizio degli altri. Gandhi, come Madre Teresa, come Gorbachev, come Martin Luther King, come tanti altri poco conosciuti resteranno, almeno per me esempi di vita, di virtù e coraggio, persone che hanno saputo mettere al servizio di un popolo o di una singola perosna la loro grande ed infinita saggezza.

  9. Grazie a chi come Bob Geldof crea occasioni per ricordare chi soffre e chi ha bisogno di aiuto. Grazie a Ghandi che ci ha mostrato che per la pace ed il rispetto degli uomini non c’è bisogno delle armi dicendo che “violenza porta altra violenza”, ma poi stà a noi alzarci per primi ed agire per la pace, ogni grande oceano è formato da tante piccole gocce d’acqua. Doniamo qualcosa di noi a chi ne ha bisogno, un sorriso, un saluto, un pò del nostro tempo, risparmiamo sul superfluo ed investiamo in beneficenza.. cerchiamo la giustizia ed impegnamoci per essa, sia rispettando le regole, sia facendole rispettare agli altri.
    Siamo tutti abitanti della terra e siamo tutti fratelli, se vogliamo, lo possiamo trasformare, ora.

  10. Buongiorno, mi chiamo Ivan e scrivo da Verona.
    Arrivo subito al dunque..
    Le barriere, ad oggi sono tantissime e per lo più sono catene spacciate per libertà.
    Il Denaro e le Tendenze ci stanno allontanando sempre più dai veri valori, da ciò che siamo veramente e logora i rapporti tra le persone che sono sempre più interessati e sempre meno spontanei e sinceri.
    Non ce ne rendiamo conto o non lo vogliamo ammettere? Siamo schiavi, burattini le cui fila sono mosse da persone potenti solo perche ‘possono’ decidere per te facendoti credere, laddove possibile, che sia la cosa giusta o altrimenti imponendola.
    Potenti le cui fila, a loro volta, sono mosse dai vermi più reconditi dell’animo umano facendoli sentire in diritto di privare le persone delle proprie Vere libertà con criteri che non sono di Giustizia, Lealtà e Bene comune, bensì di Convenienza, Interesse e ‘bene’ proprio.
    CHI DAREBBE FIDUCIA A PERSONE COSI’?
    DOVE STIAMO ANDANDO?
    DOVE ARRIVEREMO?
    I risultati li stiamo vedendo..forti del loro esempio, ci stiamo adeguando.
    Meglio fare da soli che mettersi nelle mani di chi sai già che se ne approfitterà per gonfiarsi le tasche.
    La Gente è stufa ma ha perso coraggio..sono decenni che niente cambia se non in peggio e manca la forza di reagire.
    Le persone hanno bisogno di tornare a sorridere con animo sereno, di sapere che riuscirà a dare da mangiare al proprio figlio, vestirlo, farlo divertire fino all’ultimo giorno del mese senza continuare a fare calcoli per pagare coloro che di soldi ne hanno fin troppi.
    Viviamo per essere sfruttati finchè siamo in forze e gettati come immondizia quando il fisico non sostiene più lo sforzo, risparmiando pure sulle pensioni di chi, fino al momento in cui se l’è meritata, è stato sfruttato come tutti gli altri.
    IL MUTUO SUL MUTUO????? Non si sa se ridere o piangere..
    Dicono che sia per aiutarti, guardandoti negli occhi e col sorriso stampato sul volto.
    E CHI CI HA MESSO NELLA CONDIZIONE DI AVERNE BISOGNO?

    Per concludere:

    Un ruolo non marginale lo giocano le varie case produttrici con i loro spot meschini.
    Puntano dritto alla debolezza della gente fino a fargli credere che la vita non potrebbe essere stata più crudele di come lo sia stato con te e che solo loro hanno la chiave per risolvere tutti i tuoi problemi..
    PROBLEMI?
    Chi decide per chi, se una cosa è un problema?
    Vuoi una cassa di proprietà subito? Eccola! Non ti dicono che sei inchiodato per 30 anni (se ti va bene) con una situazione sempre più catastrofica..
    Vuoi essere bella? Meno cellulite? Capelli più Glossi? Telefono Cellulare che fa il caffè? Tutto quello che vuoi a 30 euro al mese?
    Sembra conveniente, peccato che sommando tutto bisogna anche mangiare e acqua, latte, pane, benzina, luce, gas e mille altri beni primari siano in vertiginoso aumento.

    Dovremmo rispolverare i veri Valori e le vere Necessità e smetterla di prenderci in giro per vivere meglio, più sereni e di conseguenza più produttivi.

    Grazie per il tempo dedicatomi..

    Distinti saluti.

  11. Ammiro e amo Ghandi da quando ho sentito per la prima volta parlare di lui cioè 4 anni fa. Ho 16 anni e sono fiera e orgogliosa di crescere con il suo insegnamento che sicuramente trasmetterò anche ai miei figli. Si sente sempre dire ai TG di persone morte perchè sono di colore o credono in un’altra religione e sinceramente sono stanca di sentire cose tanto brutte quanto insensate. Non si ammazza un uomo per la sua fede o il suo colore…un uomo non si ammazza e basta. Un uomo deve poter vivere sapendo che è libero e che nel mondo e nel tempo in cui vive, cioè nel 2008, nessuno lo discriminerà dal resto del “gruppo”. Mi dispiace sapere che ancora oggi tante frontiere,sopratutto quelle di pensiero,non sono ancora state abbattute. Dobbiamo continuare a credere in un mondo unito senza razzismo e discriminazioni dobbiamo continuare a credere che sia possibile.

  12. …con le sole parole, spesso, solleviamo il mondo… mentre con i fatti, normalmente, non smuoviamo neanche i granelli di sabbia…
    …basterebbero invece delle semplici azioni…dei gesti quotidiani per far tornare il sorriso a ki lo ha perso, o, semplicemente, la speranza di una vita migliore..a ki gli è sempre stata negata..
    impariamo…,…imparo, a credere di poterli fare quei gesti, nn rifugiamoci dietro le scuse della quotidianeità per nn provarci neanche 1 volta..

  13. ora come ora non basta dividere il mondo geograficamente per denunciare una politica economica che saccheggia i popoli del mondo, oggi siamo tutti vittime e carnefici del sistema, lo subiamo e lo alimentiamo.
    guardiamo in Italia:i politici sono sempre gli stessi da 20 anni e nonostante le cose vadano sempre peggio, gli eletti non cambiano!
    abbiamo bisogno di un Obama

  14. Comunicare…lo si fa in ogni istante della nostra vita e…non solo attraverso le parole, ma anche attraverso la musica, la poesia, o semplicemente attraverso un sorriso o un gesto, purchè siano donati con gioia alla gente…forse è questo il modo più meraviglioso per comunicare agli altri ciò che abbiamo dentro!!!
    E questo ciò che è riuscito fare ghandi in modo splendido…

  15. Sicuramente è tutto fatto in buona fede. Ma siamo sicuri che la panacea di tutti i mali per l’Africa sia l’assistenzialismo?
    Sappiamo che la gran parte dei fondi trasferiti finisce nelle tasche dei politici africani corrotti e finanziano le guerre civili. Ma non potremmo investire quelle somme elevatissime in altro modo?

  16. è vero che bisogna aiutare chi sta peggio di noi..ma avete mai guardato negli occhi il vostro collega di lavoro? il vostro vicino di casa? molta gente ha pietà per la gente povera, ma non riesce ad instaurare un rapporto con la gente che fisicamente le sta più vicina. Dio ci ha messi in un contesto non per evaderne e cercare la povertà altrove, ma per saperla riconoscere davanti ai propri occhi.

  17. Sicuramente è tutto fatto in buona fede. Ma siamo sicuri che la panacea di tutti i mali per l’Africa sia l’assistenzialismo?
    Sappiamo che la gran parte dei fondi trasferiti finisce nelle tasche dei politici africani corrotti e finanziano le guerre civili. Ma non potremmo investire quelle somme elevatissime in altro modo?

  18. Mi trovo ad essere in un mondo molto egoista. Non Vi sono pregiudizi in quello che dico, sono io la prima a sbagliare.
    Il periodo non è dei più sereni per tutti chi per piccoli che per grandi problemi ormai tutti si chiudono nel proprio giuscio. La fiducia viene a mancare ma sta a noi aprire il cuore verso gli altri .
    Mai come ora anche solo un sorriso nel grigiore scalda il cuore .

  19. E’ incredibilmente spaventoso pensare che a oltre 60 anni dalla morte di Ghandi siamo ancora a parlare di guerre e di guerre sempre più violente. Connazionali che si massacrano non per ideali o per il “pezzo di pane” che può servire per sfamarsi, ma per interessi di pochi che foraggiano la violenza per il loro tornaconto. Al giorno d’oggi è difficile riuscire a vivere insegnando ai filgi il rispetto per il prossimo, nell’insegnare loro che il più debole va aiutato, ma dobbiano sforzarci a farlo altrimenti sarebbe la fine di ogni essere crede nel proprio Dio ed in ciò che genotori di buona volontà gli hanno insegnato. Ho rivisto il film su Ghandi, poco tempo fa:abbiamo ancora molto da imparare.

  20. Sono d’accordo con quello che ha detto Gandhi pero sono gli uomini che reggono le nazioni che non capiscono ho non vogliano capire il che è peggio.Perchè se il mondo seguisse i dettami di Gandhi e di chi prima di lui diceva le stesse cose un tale Gesù il mondo andrebbe sicuramente meglio. Lorenzo .

  21. credo anch’io che comunicare sia tutto nella vita… le guerre nascono perchè i grandi capi di stato non sono in grado di comunicare ne fra loro ne con il proprio popolo..le coppie si sfaldano perchè non hanno più nulla da dirsi o non riescono a comprendersi…la gente presa dai nostri ritmi frenetici di vita non sa più chiedere veramente non solo al collega di lavoro o all’amico al proprio fianco come sta davvero, ma anche a se stesso…troppo spesso non sappiamo nemmeno comunicare in sincerità con noi stessi…ma non può essere che si accetti così facilmente una condizione…come trovare la forza vera dentro??!! non è affatto semplice…

  22. Smettiamo di credere in un mondo materiale fatto solo di persone che lavorano tanto e pensano poco, non solo a se stessi ma anche agli altri. Se i nostri antenati si fossero soffermati a riflettere sulle conseguenze delle proprie azioni avrebbero risparmiato di certo molte vite umane…La storia non ci insegna forse a non commettere gli stessi errori del passato???Non dobbiamo essere egoisti e pensare sempre al proprio benessere ma anche quello delle persone che ci circondano senza fare discrimiazioni…siamo un solo popolo, una sola nazione e una grande famiglia…Insegnamo ai nostri figli il valore della vita…e insegnamo a loro a rispettarla a guidarla verso un nuovo mondo fatto di pace e d’amore. Rendiamo questo popolo finalmente libero dalla discriminazione razziale uniamo le nostre forze, le nostre menti e il nostro cuore cambieremo insieme il nostro futuro cancelleremo per sempre le ostilità … semineremo il seme della pace e da esso nascerà l’albero dell’amicizia, un’amicizia che dura nei secoli fino alla fine dei tempi.
    Ricorderò per sempre Gandhi per avermi guidato con le sue parole di grande saggezza e per essere un maestro giusto e amorevole.Grazie a lui sono una persona migliore…e come lui anchio aiuterò e donerò il mio amore ai bisognosi. Da lui ho imparato ad amare chi mi odia e a odiare il demone della discriminazione.
    un sincero grazie!

  23. Caro Bob,
    per le persone che la pensano come te, come me e per fortuna come tantissimi altri al mondo la povertà assoluta è una condizione assolutamente inutile; purtroppo e troppo spesso coloro che avrebbero gli strumenti per elevare a una vita dignitosa quella fetta di mondo estremamente povera non la pensano allo stesso modo. Parlo dei governi, alcuni in particolare, che ad esempio sfruttano le ricchezze di un continente meraviglioso come l’Africa per soddisfare i propri interessi, invece di mettere gli africani stessi nelle condizioni di adoperarle per promuoversi a livello mondiale.
    L’egoismo è un’erba cattiva da estirpare, sia nel nostro piccolo, nel nostro quotidiano, sia e soprattutto al livello di chi riveste determinati ruoli istituzionali.
    Grazie, Bob!

  24. adoro gedolf! è speciale ed ogni sua parola dovrebbe arrivare insieme con quelle di altra gente in tutte le parti del mondo!
    noi possiamo fare qualcosa e dobbiam farla!
    dobbiam essere uniti e sventolare la nostra bandiera!bisogna costruire qualcosa che attiri la gente,per farle conoscere che non ci sono disuguaglianze,che abbiamo bisogno delle stesse cose,degli stessi diritti,che vogliamo essere liberi,tutti,dai pregiudizi!
    non dobbiamo nasconderci e dobbiamo lottare sempre per far si che tutte le nazioni godano degli stessi privilegi!

    tendo la mano ad un uomo di colore per fargli conoscere il mio mondo,lui fa lo stesso…il mio mondo si interseca con il suo e siamo orgogliosi l’uno dell’altro!
    abbiamo questo spazio su un sito originale,dobbiamo sfruttarlo al meglio!

    di domande ce ne sono tante per Gedolf!io mi limito a ringraziarlo e a continuare ad ammirarti per le parole e per ciò che metti in atto!

    continuo a volare sulla gente degli uomini per diffondere i messaggi!
    non ci sono razze..siamo uomini! a presto!

  25. Oggi abbiamo parlato di pace con Mr. Bob Geldof, e penso che purtroppo in Italia mancherà ancora per molto, visto che ho notato che molti del Nord, sono razzisti con i Meridionali, e questo a me dispiace dirlo…..
    Ma credo che non si può parlare di pace, se prima non c’è ne fra simili e soprattutto con il nostro coetaneo, finché ci sarà il Nord e il Sud, la pace non ci sarà mai, forse quando un giorno ci sarà l’Italia, sarà la nascita di una nuova Era.

  26. camminando per le vie affollate della citta grigia ecco ai piedi di un maestoso porticato un piccolo uomo che riempe di tabacco una lunga pipa colorata circondato da incensi,nastri e lampade a olio, i capelli bianchi e arruffati,l aria da monello e uno sgargiante abito da monaco. mi porta in india, in nepal, sull himalaya e grida felice “grazie di sorriso!”

  27. e’positivo poter esprimere sentimenti di solidarieta’,complicita’e fratellanza in questo mondo dove tutto gira attorno alle cose materiali senza accorgerci che la felicita’ la troviamo dentro di noi, se ogni giorno facciamo un piccolo gesto per il prossimo che sia un saluto, una stretta di mano, un sorriso,una carezza, ascoltare le persone,scrutare la malinconia nello sguardo di un anziano restandogli vicino il nostro cuore si aprira’e saremo piu’felici e pronti per altri traguardi, consapevoli che non siamo i soli a desiderare un mondo migliore.

  28. sei sempre con noi, nei cuori, di chi ti ha amato, compreso ed appoggiato in tutti i modi vorrei esserti stata accanto durante i di più totale sconforto e sofferenza ma tu eri instancabile lo era la tua voglia di renderci tutti migliori…
    …GRAZIE…

  29. forse altri sono stati o saranni più bravi di me a commentare in questo spazio..ma sento sia doveroso che io comunichi a qualcuno o forse a nessuno quello che credo, se non lo facessi ascoltare quel messaggio e leggere questa pagina sarebbe inutile.
    Sono figlia di un tempo che scorre troppo velocemente,che ha dimenticato la sacralità della mente e dell’anima umana. Oggi nessuno, o quasi, si ferma a riflettere o cerca un vero dialogo e questo forse anche perchè non c’è nessuno disposto ad ascoltare. Una cosa che mi sento di rimproverare a questa società è che nessuno impara più a comunicare e a pensare con il cuore ancor prima che con la mente. Inviate messaggi d’amore, è questo che Ghandi vuole dirci, ma sebbene io nel mio piccolo mi sforzi, mi rendo conto che è difficile trovare chi è disposto ad ascoltare.Nelle scuole mi viene insegnato che il dialogo e il confronto è alla base della crescita, ma come ci si può confrontare con chi non cerca il dialogo??? Ma io sono ottimista, l’uomo non è così cinico e razionale come vuole apparire, io ho molta fiducia nell’uomo, sono certa che le parole e ancor più i comportamenti di certi uomini(come Ghandi) abbiano lasciato molto di più di una registrazione.Ha ragione Ghandi quando dici che cerchiamo la saggezza ed ha ancor più ragione quando dice che dobbiamo ricercarla tra coloro che erroneamente sono chiamati i più deboli, ma il problema è sapremo ascoltare ancor prima di comunicare?? Concludo questo mio piccolo dalogo con il mondo del web dicendo la forza è un’ottima difesa per i deboli, è un’ottima protezione per chi ha pperso la fiducia nell’altro, ma la parola è l’arma dei coraggiosi,la forza pretegge, la parola attaccha! Sta solo a noi scegliere da che parte stare.
    Aggiuno un piccolo p.s la speranza è nei giovani!! se noi per primi non siamo fiduciosi nel prossimo e perdiamo la speranza di poter cambiare il mondo allora è veramente la fine per questo nostro tanto amato ed odiato pianeta!!

  30. comunicazione? il saper interagire tra persone in modo civile per scambiarsi informazioni di ogni genere.

    Ma facciamo realmente cosi?
    non credo!
    Quando pensiamo a come facevano i nostri nonni a comunicare ci vinene la pelle d’oca.. ma perche?

    è cosi bello, il gusto di una telefonata, di una lettera, ma anche semolicemente il ritrovarsi tra amici e raccontare l’ultimo libro letto.

    Sapete qual’è la pubblicità che mi piace di piu ultimamente?
    Quella della tre, dove la Luciana ri da indietro il telefonino…

    Dobbiamo veramente tornare a cmunicare come una volta..
    e soprattutto IMPARARE a comunicare tra di noi civilmente.. per evitare qualsiasi cosa brutta, dalla piccola, il teppistello allo stadio, agli attacchi in Iraq..

    Non serve a nulla dire: ah bhe ma io sono solo una piccola goccia.. ma sono proprio le piccole gocce che formano i mari e gli oceani! Ognuno di noi deve metterci del proprio!!!

  31. noi siamo quello che mangiamo.
    noi siamo quello che vediamo .
    noi siamo quello che ascoltiamo.
    ed allora perchè uccidete gli animali per mangiarli?
    e perchè la tele trasmette violenze ed orrori ?
    e perchè siamo (quasi) obbligati ad ascoltare discussioni?
    Siamo tutte scintille divine e dovremmo rispettarci l’un l’altro,e finchè noi ci nutriremo di cadaveri faremo cadaveri( vedi omicidi,suicidi).Noi possiamo cambiare,l’importante è saper scegliere!!!
    Anche la tigre è una scintilla divina però nessuno l’abbraccia!!!!!!!!

  32. credo ke le differenze tra oriente e occidente nn siano state mai così grandi come adesso…le diversità del passato permangono ancora oggi e vengono tramandate a noi con ancora tanta violenza.Stà a noi giovani d’oggi cambiare questa triste realtà….perchè noi siamo il futuro,noi siamo la speranza!

  33. Dovremmo attuare nel piccolo per rompere le barriere che ci creamo finanche con i nostri vicini di casa, prima di anelare di salvare l’umanita’
    Essere differente e’ un valore da apprezzare e non da condannare o ridicolizzare
    Associare il successo ed il vivere bene esclusivamente al denaro e quindi approcciare le cose egoisticamente e’ la maledizione che ci portiamo dietro che sta evidenziando in questi tempi la sua limitazione e il suo non-senso…siamo condannati a cambiare per sopravvivere

  34. Il mondo già da molto tempo è stato infettato ed ora questo virus continua a renderlo sempre più debole. Questo virus è rappresentato da tutte quelle persone che essendo entrati (anche involontariamente) in possesso di grandi poteri ne fanno usi eccessivi esclusivamente a loro favore. Purtroppo nessuna di queste persone è disposto a cedere un pò di potere, si entra in un giro senza fine, questo giro ti rende cieco. Esiste una sola medicina in grado di far riprendere a pieni ritmi il mondo. Siamo noi, è l’unione umana che unita genera potenza, ma di quella buona, di quella che unisce i popoli, i pensieri, le speranze e la voglia di vivere sereni insieme ma senza schiavizzare o sottomettere nessuno. Siamo tutti possibili contribuenti per una vita migliore ma dobbiamo mettere da parte l’orgoglio, l’egoismo e la diffidenza. Insieme si può.

    Laura

  35. in un mondo ipocrita dove il Dio denaro padroneggia ovunque è difficile sperare in un mondo unico e sorridente. Ma a volte i sogni si avverano: se i media smettessero di raccontare realtà distorte, se i politici facessero i veri interessi dei popoli, se ognuno di noi impegnasse il proprio ingegno per essere costantemente cortese con il prossimo invece di opprimerci l’un l’altro….allora forse potremmo arrivare ad un mondo unico e riconosciuto come tale.
    Comunicare in modo piacevole è un buon inizio per provare a credere in qualcosa che sa di buono: ben venga questa iniziativa.
    Complimenti, Alex

  36. Ciao Bob e grazie a nome mio e della mia famiglia per essere come sei
    Sono Andrea Poeta, ero credente… ma, ora dopo numerosi viaggi all’estero, mi reputo ateo.
    Nel mio piccolo aiuto sempre rivolto al più debole di me, sia con la mia musica che con le mie mani e la mia anima.
    Dopo viaggi sia in Africa che in Oriente dove ho cercato di portare aiuti, nel mio piccolo impegno a bambini bisognosi di TUTTO…
    mi sento come se urlassi da solo.
    Perchè ogni volta che si getta il sassolino in un lago, mentre l’onda si propaga, c’è sempre qualcosa o qualcuno che la ferma?
    In questo mondo attuale c’è troppo menefreghismo e poca socializzazione, la troppa tecnologia, ha reso l’attualità povera…
    I veri principi della vita stanno finendo, la famiglia, il prossimo, il futuro dei nostri figli… L’amore per gli altri…
    C’è una dilagazione negativa verso il razzismo, un pirnicipio che non ci rende fratelli nel mondo ma, estranei a noi stessi.
    Troppe guerre religiose ed economiche stanno distruggendo l’armonia della vita, che è la base del mondo.
    Continuerò a lottare affinche la libertà sia il primo comandamento del futuro del nostro prossimo.
    Cosa c’è da fare secondo te Bob per dare un senso a tutto questo?

    Ciao
    Andrea Poeta
    Fabriano

  37. sarerbbe bello riuscire a convivere tutti pacificamente ,riuscendo a capire tutte le persone senza giudicarle e soprattutto senza voler sopraffare gli altri.ma purtroppo il nostro mondo è una grossa palla di ipocrisia,io credo che un singolo sia capace di accettare e amare il prossimo;ma farlo fare ad un’intera massa sia quasi impossibile

  38. so che non ci riesco in tutti i momenti della mia vita ma ci provo comunque a non imporre la mia idea,a rispettare quelle degli altri,giuste o sbagliate che siano,a parlare cercando di capire qualsiasi forma di pensiero,non sarebbe male provare a farlo tutti i giorni anche solo x una parte della nostra giornata,forse si accorcerebbero le distanze perchè fondamentalmente tutti desideriamo una cosa sola essere felici. Rispetto della vita altrui parola facile ma valore difficile da applicare.

  39. Al nostro secolo sono stati donati uomini straordinari: chi con l’esempio, chi con la parola, chi con lo sguardo, tutti a modo loro ci hanno indicato una via diversa da seguire per ottenere ciò che bramano tutti gli uonmini e le donne di buona volontà: un mondo unito governato dall’amore! parlano di utopia i governi, parlano di impossibilità i ricchi ed i potenti, parlano di oggettive difficoltà che non consentono la realizzazione allo stato attuale delle cose: ma è davvero tanto difficile? io non credo. Gandhi ha dato inizio (lui come altri, non dimentichiamo Madre Teresa, Giovanni Paolo II il grande, M.L. King ecc. conosciamo solo i più famosi!!!) ad una riflessione importante: perchè dovrebbe essere così difficile lasciare l’amore al governo del mondo? non basterebbe forse seguire piccole semplici povere regole tra cui una di una semplicità che spaventa (a noi Cristiani le ha lasciate il più grande nella storia: Gesù) non fare ad altri ciò che non vorresti fosse fatto a te. Non basterebbe forse solo questo a renderci liberi dall’odio e dai rancori (i quali fanno bene solo ai ricchi ed ai potenti che lucrano sui rancori e sull’odio, proliferano ed igrassano, mentre ai poveri ed agli umili non giunge altro che dolore e sopraffazione).

    Io non credo che Gandhi, Gesù, Giovanni Paolo II, San Francesco d’Assisi e Santa chiara, Madre Teresa e tutti tutti gli altri esseri umani cristiani, musulmani, ebrei, indù e tutti gli appartenendi a tutte le religioni del mondo, che hanno abitato questo mondo, facendo della loro vita un esempio d’amore siamo utopisti: IO CREDO: E TANTI, DAVVERO TANTI COME ME CREDONO IN UN MONDO UNICO ED UNITO GOVERNABILE DALL’AMORE.
    Pace e bene a tutti voi cari fratelli e sorelle, Dio vi benedica e doni pace ed amore ai vostri giorni, e quando piacerà a Dio che i giorni siano finiti, una quieta notte di riposo!!
    Maria Francesca

  40. Sembra un discorso elementare ma non lo è affatto… spesso io stessa mi sono ritrovata ad affermare che quella che noi chiamiamo Chiesa è oramai una grande macchina politica composta solamente di facciata. E’ come tutte quelle persone clinicamente morte che ci ostiniamo a tenere in vita, poichè voglio sperare che almeno per qualche giorno giunta nella nostra Italia sia per lo meno nata. Unità…siamo stati più uniti quando eravamo nel dolore che ora…prima ci battevamo per i diritti comuni, ora egoisticamente ogniuno vuole emergere. Sempre di più la gente vuole distinguersi ed esige rispetto per la propria ricchezza…mi domando se sappiano cosa sia la RICCHEZZA. Per una volta bisognerebbe impegnarsi ad essere uniti non solo nel dolore per affrontare il “nemico” comune ma anche nella gioia e probabilmente se tutti si accorgessero che sarebbe molto più bello andrebbe tutto meglio. Ma l’uomo d’oggi è egoista ed incapace d’amare se non tocca il fondo non è in grado di comprendere… se le cose continueranno così credo però che il fondo verrà toccato molto presto. Non tutti hanno realmente voglia di comprendere ciò che leggono figurarsi a metterla in pratica.

  41. il messaggio di Gandhi è sempre attuale. La forza del suo messaggio è l’amore. L’importante è credere che non sia un messaggio utopistico; l’amore vince e fa cadere ogni barriera, nonostante il paesaggio e la realtà negative che ci appaiono e ci scorrono davanti agli occhi. L’importante e far proprio questo valore e viverlo noi stessi in prima persona a cominciare dalla nostra vita quotidiana.
    Elisabetta

  42. Io penso che al giorno d’oggi moltissime persone abbiano smesso di pensare con la propria testa! E’ molto meno faticoso uniformarsi agli sterotipi che la società impone, piuttosto che essere se stessi, ed essere quindi, quasi sempre, considerati dei diversi. Ritengo che ci siano sempre meno persone capaci di trovare il coraggio per guardarsi dentro alla ricerca di quella luce pura che ha creato uomini come Gandhi o come M.L. King. Nonostante il mio pensiero se analizzo la mia vita devo putroppo ammettere se pur a malinquore che anche io sono fra questi. Combatto ogni giorno per costruire il mio piccolo mondo felice cercando di far star bene le persone a cui voglio bene. Ma non è facile.
    Grazie, saluti Monica

  43. Comunicare..
    Da tre anni mi occupo di un lavoro in cui comunicare è essenziale, tutto il business ruota attorno all asse del verbo e della parola, tanto che posso dire ormai che di comunicazione mi intendo abbastanza.
    E alla base della comunicazione sono,siamo potrei dire, dell opinione ci sono minimo due enti,due persone, due popoli, due capi di stato o due studenti..Ebbene cio ha però come base il rispetto reciproco delle diverse idee e soprattutto la rreciproca voglia e tendenza ad ascoltare l altro.cio oggi non avviene soprattutto con quelle popolazioni che vorremmo integrare nel nostro paese..non sto parlando di discorsi puramente teorici, ma basta fare un giro vero le 23 in qualsiasi quartiere di una città italiana per vedere quanto, con enorme tristezza, il continuo messaggio di integrazione inviato dal governo viene ignorato.Tali comportamenti si riscontrano ormai anche in pieno giorno, con elementi che invece di cercare l integrazione si ghettizzano, parlano, guardano male e a volte insultano persone di passaggio dalle “loro” vie.Persone impaurite, costrette ad abbassare la testa per paura, per timore di una reazione da parte di gente che nulla fa per comunicare, per scambiare informazioni, per integrarsi col mondo circostante, e che con grande maleducazione comunica si, ma all interno delle proprie fila.
    Vero è anche che oggi il termine comunicare è diventato sempre più un verbo sottovalutato, nella misura in cuinella società odierna tutti si sentono portavoce di un idea o di un concetto,e nel caso in cui anche palesemente errato non pensano minimamente a cambiare uno schema mentale predisposto, formano una camera a compartimento stagno in cui le idee rimangono invariate anche qualora vengano smentite con intelligenza.Oggi tutti possono, e menomale, esprimere la propria idea, però sarebbe bene a volte riuscire a tenerla dentro di sè per non rischiare di perdere credibilità nel momento in cui l idea sia palesemente fuori dal discorso, pesare le parole proprio per rendere migliore la conversazione, perche oggi funziona cosi: dacchè siamo in una democrazia e tutti possono esprimere la propria idea io dico ciò che voglio.
    Non c’è nulla di piu sbagliato!!
    Il fatto di essere in una democrazia non giustifica il fatto che ognuno puo diventare portavoce di qualsiasi baggianata capiti nella sua testa, in altre parole, vivere in una democrazia non giustifica il fatto che un individuo possa asserire che un asino vola, e soprattutto oggi è diventata un impresa convincere tale persona del contrario.

  44. ….. solo una cosa: pensiamo a nostri figli, pensiamo ai bimbi dell’africa, perchè per una volta non deponiamo le armi, visibili ma anche quelle invisibili come l’egoismo e l’egocentrismo e aiutamo chi soffre e smettiamo di spendere i soldi in guerre assurde…
    Comunichiamo a LORO che sono il nostro futuro che il mondo può essere migliore se davvero ci uniamo dimenticando le nostre differenze culturali e religiose, l’UOMO è uno solo
    con molteplici facce… COMUNICHIAMO a chi viene dopo di noi AMORE, TOLLERANZA E UMILTA’…CE LA POSSIAMO FARE!!!
    Non per noi stessi ma per i nostri Figli!!!!

  45. Ho un figlio di 9 anni al quale non faccio altro che spiegare che la pace , la tolleranza, il rispetto sono valori fondamentali per una convivenza civile. Poi accendo la televisione e lo mando in confusione! E’ difficile fargli credere che le cose in cui crede sono possibili se il mondo in cui egli vive è pieno di guerre e di odio, di fame e di sfruttamento. A volte mi sento impreparata e anche molto triste per avere scelto di far nascere un figlio in questo mondo che ormai mi sembra irremediabilmente malato. Non vedo grandi uomini all’orizzonte, non fra quelli che hanno il potere nelle loro mani!

  46. solo nei cuori delle persone più umili, quelle che non hanno niente da dare se non il proprio amore, si troverà la vera saggezza…l’amore è senza dubbio il linguaggio universale basterà che ogniuno di noi trovi il tempo di sorridere alle persone che incontra lungo il suo cammino e troveremo tutti insieme la felicità…

  47. Il mondo l’abbiamo preso in prestito dai nostri figli.. l’identità di ogni uomo non prescinde dal luogo in cui nasce e cresce … ma quando diventiamo uomini abbiamo la possibilità di unirci con chi ci pare e piace, il mondo è un insieme di possibilità e ci affrettiamo a chiuderle cercando certezze… cosa potremmo essere se lasciassimo aperte le nostre potenzialità .. la coscienza di esistere per un tempo determinato forse può aiutare a capire che ogni respiro è preceduto da un attimo di silenzio e.. in quel silenzio c’è tutto l’universo. Vedere le cose da lassù fa fare meglio quello che abbiamo davanti perchè siamo in equilibrio con il tutto.. e questo porterà all’unione mondiale.
    Ciao ILP

  48. Penso che in questo mondo quello che manchi davvero è la facoltà di ascoltare: non semplicemente sentire con le orecchie, ma prestare attenzione a quello che ci viene detto (da altre persone o dai media), analizzarlo chiedendosi cosa veramente ci vogliono dire e se è veramente così come vogliono farcelo apparire. In sostanza si tende a prender per buono quello che sentiamo finendo per pensare con la testa degli altri. Questo è un grave problema che porta a uccidere il dialogo e l’autocoscienza:dietro un’immagine c’è sempre un messaggio, dietro una notizia al telegiornale c’è l’audience, dietro una guerra c’è l’interesse economico

  49. dobbiamo cercare di imparare dagli errori del passato,e ascoltare quelle persone come Ghandi e Martin Luter King che hanno voluto comunicarci un messaggio di pace e ugualianza attraverso la non-violenza, e pensando che se ognuno di noi nel suo piccolo provasse a mettere in pratica queste parole il mondo sarebbe un posto migliore,facendo capire a quelle persone che pensano che questa sia una stupidaggine, che non è cosi! bisogna pensare anche agli altri,se allontanassimo un pò lo specchio vedremmo che in questo mondo non ci siamo solo noi!

  50. Mi hanno sempre insegnato che è importante osservare le persone più grandi di me per imparare dalle loro esperienze . Sono cresciuto e mis ono reso conto che non quanto mi è stato insegnato non è abbastanza Nella vita si può , e si deve , imparare dai più piccoli . La loro purezza di animo e di cuore li porta ad essere più recettivi ed altruisti nei confronti della vita . Dovremmo essere tutti degli adulti con il cuore da bambini . Così facendo il mondo girerebbe sicuramente per il verso migliore. Alfredo

  51. Oggi la società insegna solo a diventare competitivi uno contro l’altro, è importante solo il successo, il vile denaro e la notorietà, per ottenere cio si è disposti a tutto anche annullare i sani principi dettati dai nostri nonni, dove il rispetto per il prossimo era fondamentale, si è disposti persino ad uccidere il prossimo pur di emergere.Cosa fare? credo che la soluzione sia nel cercare di interrompere questo circuito a spirale e attuare una ribellione pacifica e non violenta per farsi che si venga ascoltati e si possa comunicare e spiegare il nostro mal contento .

  52. dappertutto vediamo gente che soffre , che patisce fame ,freddo ,poverta………Noi poremo mai metterci nelle loro vesti,potremo mai subire quello che subiscono loro ?é difficile cercare di rendere il mondo migliore ,non vedere più gente che soffra …………

  53. cari amici sono daccordo con le vostre opinioni ma dico uno che in concreto faccia qualcosa nn lo sentito allora io dico iniziamo con l’adozione a distanza costa poko e serve molto solo la cultura e il sapere fanno crescere i popoli aiutami ad aiutari forza fratelli miei seno gandi madre teresa nn ci avranno lasciato niente solo belle parole

  54. chi penserebbe che una persona così piccola e all’apparenza insignificante abbia pronunciato queste parola. Parole immorali che ancora oggi risuonano grandiose, in un mondo lacerato. Un grazie a questo uomo, anche seun grazie è troppo poco. Ma queste parole non servono a nulla se non sono ascoltate e accompagnate da azioni che possano cambiare il mondo. Vivi come se dovessi morire domani, impara come se dovessi vivere per sempre.

  55. elisa

    Come si può spiegare il mare?
    Come non provare a capire il cielo, che col suo azzurro si innalza sopra le nostre teste e veglia su di noi?
    Come può il sole con l’intensità del suo abbraccio coccolarti in ogni stagione rinvigorendoci il cuore e l’anima?
    E come puoi tu non capire ciò che provo? Ciò che sono o meglio posso essere per te?
    Ciò che desidero per noi; ciò che chiedo in cambio di un tuo sorriso, del tuo sguardo, di un tuo bacio.
    L’amore si dice sia l’unica vera “costante” in questo mondo di follia che noi ci siamo voluti creare.
    In cuor mio so che al mattino i tuoi occhi appena svegli sono come rugiada sulle foglie,
    i tuoi fianchi voluttuosi come uva matura che si inebriano nel palato e ti lasciano la vera essenza del piacere,
    i tuoi seni come dolci fragole di bosco da raccogliere spumeggianti come lo champagne.
    Viver di soli tuoi baci e languide carezze io posso, pazzo di te e del tuo dolce essere femmina.
    Ti amo e ti sosterrò finche libera non riuscirai a spiccare il volo sola e divina, ti sarò per sempre amico e compagno, amante e collega, io il tuo dolce Romeo e tu la mia incantevole Giulietta.
    Se questo non convince il tuo cuore a trovare un piccolo spazio anche infinitesimale per il mio amore, lasciami morire fra le tue braccia solo una volta; lascia che io sia una frivola e suadente brezza di vento che scompiglia i capelli tuoi, che dura un attimo di un addio, l’intercalare del giorno e la notte.
    Sarò eterno e tuo per sempre. Se invece puoi concedermi la divinità del tuo amore non chiedermi, dimmi solo che sono tuo, e sarò tuo.
    luigi

  56. fermati o uomo a guardare il sorriso del sole,

    fermati folla a godere del mare infrangersi sugli scogli,

    fermati popolo a respirare l’aria della vita che dolcemente entra nei tuoi polmoni,

    leva il tuo sguardo nazione verso le foreste e l’intero creato e giungi alla conclusione che DIO sia onnipotente ed amorevole.

    guarda infine o mondo nefasto cosa stai facendo di un “miracolo” che ci è concesso a breve tempo, il tempo di una vita mortale e pentiti di ciò che farai poichè ciò che vedi non ti appartiene e se fossi solo furbo ed intelligente, se ti inalzassi quando il “volere di un DIO” della vita tua ne godresti, non … la distruggeresti.
    come hai condannato le future generazioni così hai condannato te stesso ora e per sempre alla dannazione eterna.
    peccato …..
    e pensare che eri un DIO in mezzo al mondo, ed oggi sei solo un ripiego spiacevole agli occhi del tuo DIO.

  57. Ciao Bob io sono un ragazzo di diciannove anni e son cristiano, la cosa che manca molto spesso a livvelo di religione nei cristiani per me è l’umilità di cui Ghandi nè un luminoso esempio, se riuscissimo tutti ad essere la metà di quello che è stato Ghandi riusciremo a cambiare questo mondo e in meglio; Ghandi ci ha lasciato un grande eredità che noi dobbiamo utilizzare al meglio perchè il suo sacrificio non sia stato vano.

  58. L’importante è andare avanti.
    Anche se hai tutti contro, andare avanti per la propria strada.
    Anche se ti trovi da solo, andare avanti nella vita coerentemente con quello che pensi pensando di non esser la sola ad essere sola.
    Anche se sei stufa che la guerra non sia finita,
    continua a cercare di creare la pace dentro e fuori di te.
    Anche se avresti voglia di agire al modo del mondo in quanto sei troppo debole nei confronti di gruppi di persone, lasciarti andare solo minimamente alle influenze della gente.
    Anche se la vita non ti permette di realizzare i tuoi sogni,
    cerca di fare tutto il possibile perché quelli delle persone a te vicine possano realizzarsi.
    L’importante è non fermarsi.
    Ma dopo la morte rianimarsi.
    Cercare, cercare, cercare anche se hai quasi la certezza di non poterlo trovare ciò che a lungo continui a cercare.
    L’importante è andare avanti.

  59. IO volevo dire che se ci fermassimo a riflettere, cercando di capire che tutto quello che ci circonda non è scontato, compresa la possibilità di vivere, forse inizieremmo davvero a capire la fortuna che abbiamo. Noi non dobbiamo scappare da guerre , fame, non dobbiamo imbarcarci su “navi” per raggiungere una vita “migliore”. Solo realizando,questo penso che potremmo cercare davvero di aiutare il prossimo, partendo prima dai nostri stessi familiari,dai connazionali(senza vedere Nord e Sud), fino ad arrivare ai tanti fratelli sparsi nel mondo o anche a quelli che chiedono aiuto a noi Paesi ricchi. In fondo se stiamo in questo benessere,lo dobbiamo in parte al fatto che abbiamo sfruttato le loro terre lasciandoli senza nulla,sfruttando la loro manodopera a basso costo (basti pensare allo sfruttamento dei giacimenti diamantiferi). Purtroppo si sa non è facile, visto anche il nostro stile di vita frnetico e considerando i modelli che la nostra società propone (veline, calciatori miliardari, tronisti, Isola dei famosi……). Grazie per avermi dato la parola!!!

  60. Il nostro valore più grande, credo, sono i BAMBINI. Solo crescendo un figlio nel rispetto dei valori che noi abbiamo e che sapremo insegnargli avremo una persona dignitosa, che a sua volta potrà trasmettere questi valori ai suoi figli. Non credo sia una questione di razza o religione o altro, solo di intelligenza e di cultura. Solo dei genitori intelligenti e di buona cultura, consapevoli del ruolo importante e delicato che hanno nel crescere un figlio, possono trasmettergli quei valori che ne faranno domani un vero uomo (nell’accezione più ampia del termine).

Lascia un commento